Purificazione delle pietre

Minerali e pietre,appena acquistati,devono essere purificati. In un negozio,o nel tragitto che fa la pietra prima di arrivare a casa vostra,assorbe energia dalle persone con cui viene a contatto.Le ietre che utilizziamo,le Nostre pietre non dovrebbero essere toccate da nessun altro a paret noi,al fine di evitare influssi negativi.
Ma come avviene la purificazione delle pietre?Esistono diversi metodi a seconda del tipo di pietra.Qui di seguito tutti i modi per purificarle al meglio.

CON IL SALE

Mettiamo le pietre in un recipiente di vetro,copriamole di sale grosso e lasciamole così per una notte. Il mattino dopo,laviamo le pietre sotto acqua fredda corrente per qualche minuto,asciughiamole con un panno di cotone 100%(o comunque di fibra naturale)e lasciamo le pietre alla luce del sole per un’oretta.
NB:non esponete MAI le pietre alla luce diretta del sole,soprattutto quelle colorate trasparenti poichè tenderebbero a perdere il colore.
METODO SCONSIGLIATO PER LE SEGUENTI PIETRE:cianite, opale, azzurrite, aragonite, selenite, dioptasio e pietre molto delicate. Ricordate inoltre di fare attenzione quando purificate gioielli contenenti argento e rame che con acqua e sale si ossidano(es: turchese, crisocolla,ematite, pirite , magnetite, tormalina nera).

CON L’ARGILLA

Esistono vari tipi di argilla, quella più facilmente reperibile e meno costosa è l’argilla verde ventilata, disponibile in tutte le erboristerie. Mettiamo le pietre in un recipiente di coccio, vetro o legno e le copriamo con l’argilla. Per tre notti.Trascorsi i giorni togliamo l’argilla (che possiamo buttare via o riciclare usandola come terriccio) e mettiamo le pietre in un contenitore pulito, sempre di materiale naturale, lasciando scorrere un filo acqua fresca corrente per circa un’ora. Successivamente prendiamo le pietre e le asciughiamo con un panno pulito in cotone.
METODO SCONSIGLIATO PER :pietre particolarmente porose, in quanto l’argilla potrebbe attaccarsi nelle micro-fessure con remote possibilità di recupero.

CON LA TERRA

Durante il giorno di luna piena o luna nuova mettiamo le pietre sotto terra vicino alle radici di un albero. È possibile fare la medesima cosa con le piante da appartamento proporzionando la quantità di pietre in base alla grandezza del vaso e della pianta. Naturalmente più la pianta è grande e robusta, più efficace diventa il procedimento.
Dopo ventotto giorni esatti, cioè un ciclo lunare, recuperiamo le pietre dalla terra. Con tale procedimento si uniscono le energie terrene e celesti. Mettiamo quindi le pietre in un contenitore di materiale naturale, e facciamo scorrere un filo d’acqua corrente fresca per circa un’ora. In seguito asciughiamo le pietre con un panno pulito in cotone.
METODO SCONSIGLIATO per le pietre particolarmente porose(vedi sopra).
Questo metodo viene utilizzato per purificare e ricaricare le pietre e i cristalli per così dire “Femminili”: l’Ametista, la Pietra di Luna, la Celestina, Opali, Crisoprasio ( tutti i metodi applicabili a questa pietra), Damburite,Dioptasio, Fluorite (azzurro-violette), Kunzite, Meteorite, Quarzo Ialino ( tutti i metodi applicabili a questa pietra), in pratica tutte le pietre trasparenti,azzurre, violette o che lavorano sulle emozioni femminili, la sensibilità, i sogni e le percezioni…

CON LA PIRAMIDE,L’OBELISCO E LE DRUSE DI AMETISTA

Mettete la pietra sotto una piramide e lasciamola lì per tre giorni.
Per la purificazione con l’obelisco mettere il cristallo attorno alla sua base e lasciamolo lì per tre giorni.
Con le druse,basta semplicemente porre il cristallo in una drusa e insieme sotto uan piramide.Lasciamo che ilc ristallo si carichi per tre giorni.

Drusa di ametista

CON IL REIKI

Con il primo livello di reiki,basta dare reiki con le nostre mani per un tempo variabile dai 15 ai 30 minuti.
Con il reiki di secondo livello,si utlizzano i simboli e i tempi si accorciano a 5-15 minuti.
NOTA: alcuni sostengono che i simboli reiki non debbano essere esposti,altri affermano il contrario.ad ogni modo:
-in giappone(patria del reiki)i simboli non vengono occultati
-non perdono la loro energia se vengono visti da chi non è armonizzato per dare reiki
-i simboli vanno rispettati
-reiki non è magia o occultismo ma energia,conoscenza di sè.
LA PURIFICAZIONE: concentratevi sul quarto chakra(quello all’altezza del cuore),mettete a terra i cristalli che volete purificare e mandate sui cristalli,verbalizzandoli con il proprio mantra(suono),per tre volte i simboli in quest’ordine: hon sha ze sho nen(ripetuto tre volte),sei heki(ripetuto tre volte),choku rei(ripetuto tre volte).Basta effettuare la procedura una sola volta. Di seguito,i simboli reiki da stampare.

 

 

 

 

 

In sequenza: choku rei,sei heki,hon sha ze sho nen

 

 NOTA: volete sentire l’energia che emana una pietra? Se siete molto sensibili e ricettivi potete farlo. vi spiego come. Dovete aprire il chakra della mano sinistra(chakra:punto energetico del nostro corpo)in questo modo: con il pollice della mano destra fate pressione nel punto centrale del palmo della vostra mano sinistra e rimanete in questa posizione,continuando a far pressione,per qualche minuto. Appoggiate la vostra pietra sul centro della mano e comincerete a sentire,dopo qualche secondo,una sensazione di calore o formicolio o freddo.Ecco,questa è l’energia che emana la vostra pietra. Potete sentirne il flusso tenendo la mano destra sulla pietra,leggermente sollevata e,lentamente,alzarvi sempre di più.










Precedente Come utilizzare le pietre:cristalloterapia Successivo Vivi Verde